La struttura persuasiva di un testo promozionale

La sequenza più semplice, pratica e veloce da usare per creare un testo promozionale capace di vendere il tuo infoprodotto

Il copywriting non è altro che l’abilità di incanalare i desideri umani e dar loro una determinata direzione. (Joe Sugarman)

Introduzione

copywriting
copywriting

Benvenuto/a e grazie per esserti interessato del mio post.
Innanzitutto lascia che ti anticipi cosa scoprirai leggendo questa guida.
In questo report scoprirai alcuni trucchi specifici per scrivere un testo promozionale efficace e persuasivo senza andare a farti svuotare il portafoglio per ingaggiare dei copywriters per fartelo scrivere.


In definitiva ecco quello che imparerai leggendo questo report:


• Imparerai le basi di un testo promozionale vincente.
• Imparerai la struttura persuasiva di un testo promozionale.
• Potrai entrare totalmente dentro l’autopsia e l’analisi di un testo promozionale vincente.
• Imparerai la verità su come scrivere un testo promozionale degno di questo nome.
• Imparerai come formattare il tuo testo promozionale.
• Imparerai a scrivere il contenuto del testo dalla parte iniziale fino alla parte finale.
• Scoprirai la risposta definitiva se è meglio un contenuto di testo lungo o un contenuto di testo corto.
• Scoprirai le domande più frequenti e rilevanti alle quali devi anticipare la risposta all’interno del tuo testo promozionale per portare a termine la vendita.
• Scoprirai i termini e le parole più adatte da inserire nel tuo testo e quali sono i tasti giusti da toccare per stuzzicare ed emozionare a livello empatico la persona che legge. • Scoprirai come ingaggiare e utilizzare testimonial per sostenere la tua propaganda
• E molto, molto altro ancora!

Con le informazioni che conoscerai leggendo questo report potrai scrivere testi promozionali con tassi di conversione molto elevati. Ed ora senza aspettare ulteriormente passiamo al succo dell’argomento di questo post, ed inizia questo percorso pieno di conoscenza e di formazione con il know-how di alta qualità e valore contenuto in questo mio post.

Le basi di un testo promozionale vincente di Copywriting

Prima di passare al “come si fa” è di vitale importanza che tu capisca i principi base di un testo promozionale.


Innanzitutto lasciami dire che se vuoi creare una qualsiasi attività a scopo di lucro devi sapere vendere la tua offerta. Questo naturalmente vale sia se la tua attività è online, sia se la tua attività è offline.


Saper vendere qualcosa è la principale capacità che devi avere se vuoi creare un business. Se non acquisisci questa capacità la tua attività farà sempre fatica ad emergere, soprattutto se hai un business online.


Il motivo di ciò è presto detto: se non sei capace di vendere o peggio ancora non hai voglia di farlo perché semplicemente lo odi, non potrai mai avere successo quando fai marketing.


I migliori copywriters come farebbero secondo te ad avere degli onorari così abbondanti per le loro prestazioni, se non fossero abili scrittori persuasivi?


Il mercato online dei prodotti digitali (o infoprodotti) è molto saturo di informazioni. Infatti, su internet ci sono una marea di idee fra le più disparate.


Forse anche tu è probabile che in mente hai un’idea fantastica con la quale vuoi farci un sacco di soldi. Oppure potresti anche avere una soluzione che risolve un determinato problema, ma viceversa potresti anche essere in possesso di una conveniente possibilità di guadagno che vuoi diffondere attraverso la rete.


Insomma… potresti trasformare in soldi molte tue iniziative, ma se non impari a vendere (o peggio ancora non ti piace farlo) non potrai mai emergere dal rumore di fondo di quell’oceano chiamato mercato online.


Potresti avere anche il miglior prodotto del mondo, ma se non sai vendere rimarrai sempre una persona qualsiasi tra la folla.

Da quando mi sono avvicinato alla professione di infomarketer, affiliateMarketer e il digital marketing ho notato che le persone hanno idee molto interessanti, cioè idee molto facili da trasformare in un business remunerativo e profittevole.

Molto spesso, però, il loro problema è che non hanno la minima idea di come sfruttare appieno questa loro incredibile ricchezza intellettuale.


Detto questo… devi sapere che da che mondo è mondo le persone acquistano quello che vogliono, quando vogliono, più di quanto è il valore reale di un qualsiasi bene di consumo.

Con tale affermazione voglio semplicemente farti capire questo:

• le persone in genere comprano quello che vogliono e non necessariamente quello di cui hanno bisogno;
• la maggior parte degli acquisti sono spinti dal fattore emotivo o dalla voglia di realizzare un sogno personale, non dalla necessità del momento;
• molte persone non acquistano perché non hanno premura di compiere l’azione di acquisto

I beni di lusso come potrebbero essere delle scarpe eleganti, un vestito da sera di alta moda, o una vettura costosissima, anche se hanno la stessa funzione delle scarpe da ginnastica le prime, la stessa funzione di una maglietta con dei jeans il secondo, e la medesima funzione di una utilitaria la terza… offrono a chi li compra un’emozione differente. Non c’è niente da fare!


Quando tu hai in mano la soluzione fatta a posta per una persona e questa non acquista, è la persona stessa che ha da perdere di più dal non avere effettuato l’azione di acquisto.


Quello che devi assolutamente fare è prestare la massima attenzione a fornire la soluzione ad uno specifico problema che le persone hanno.


Se fai così stai pur certo/a che porterai a casa la conversione, altrimenti nisba!..

Una cosa che devi assolutamente sapere prima di addentrarti in una qualsiasi forma di promozione di un’offerta, è che la maggior parte degli esseri umani ha una regola che noi tutti dovremo tener presente

La regola è questa: “La paura di perdere un bene prezioso è maggiore rispetto alla voglia di guadagnare qualcosa.

In base a questa regola tu devi essere in grado di far percepire ai tuoi potenziali clienti che di te si possono fidare, perché con te il loro soldi non andranno persi. Anzi… deve percepire anche che se non acquista da te perde i benefici che il tuo infoprodotto può dargli.


Dopotutto vendere significa fare una buona impressione e comunicare un sentimento positivo sugli altri. Se invece trasmetti sensazioni negative o peggio ancora truffaldine le persone se la daranno a gambe elevate dal tuo sito

Con internet è tutto più facile

copy

Fortunatamente con internet il tuo compito di vendere è molto più facile rispetto a quando la rete non esisteva. Non devi più fare marketing al telefono o vendere porta a porta.

Con la rete anche se non hai un infoprodotto tuo, ma aderisci ad un sistema di affiliazione hai l’opportunità di entrare in contatto con numerosi clienti potenziali. Questo perché ormai un computer lo posseggono tutti e questo rende tutto molto più facile.


Un business online rispetto ad un’attività offline è molto più funzionale, infatti, non devi incontrare di persona i clienti, non hai bisogno di assumere agenti di vendita che effettuino le vendite per te, inoltre, i costi per avviare l’intera questione sono molto più contenuti.


L’unica cosa di cui hai bisogno per vendere e creare così un’attività proficua e remunerativa è un testo promozionale che convinca i tuoi potenziali clienti ad accettare la tua proposta.


Il testo promozionale venderà la tua offerta in automatico tutte le volte che riuscirà ad innescare il processo persuasivo di vendita.


Il testo promozionale sarà il tuo agente di vendita virtuale, c’è ma non si vede.


Un testo promozionale puoi usarlo in una lettera di vendita, in una landing page per raccogliere un contatto, in un articolo, in un sales-post, in un video o audio promozionale ecc.


Tutto il tuo lavoro si incentrerà unicamente sulla progettazione di un testo capace di produrre almeno una conversione che stia nell’ordine del 2-4% e più.

Insomma… un testo promozionale degno di tale nome deve riuscire a convertire almeno 2 o 4 visitatori su 100.


Quando i copywriters scrivono i loro testi promozionali in realtà scrivono dei testi personali, infatti, è come se parlassero ai loro lettori. Tutto questo per convincerli ad acquistare la loro offerta o ad accedere ai loro servizi.

Che requisiti devi avere?
Sicuramente in questo momento avrai certamente un know-how o delle buone idee per creare ottimi infoprodotti da vendere, però, per scrivere un testo promozionale degno di questo nome ti servono queste cose:

  1. Un tuo stile che riesca a tirare fuori il tuo carattere ed il tuo modo di scrivere.
    Devi scrivere con personalità, infatti, il tuo stile di scrittura deve essere molto personale. Questo significa che devi scrivere in modo attraente ed amichevole “pensa di parlare ad un tuo amico”.
    Non scrivere una lettera senza anima, perché non solo sarà noiosa da leggere, ma farà abbandonare la tua pagina web in tempi record.
    Mischia la tua capacità di scrivere con la tua personalità, e avrai già fatto un ottimo passo verso un testo promozionale efficace!
  2. Saper scrivere in modo creativo e coinvolgente.
    Devi saper scrivere correttamente e questo significa che devi saper padroneggiare la lingua in cui ti esprimi, ma oltre a questo devi essere in grado di farlo in modo fantasioso e creativo.
  3. L’azione.
    Se non ti metti in azione non accadrà nulla e le vendite da sole non verranno mai, quindi renditi operativo/a.
    A rendermi operativo incomincio intanto io.
    Quindi non perdiamo altro tempo e passiamo al capitolo successivo.

La struttura persuasiva di un testo promozionale

Ecco la struttura persuasiva che deve avere un testo sul web per condurre una persona verso l’azione di acquisto:

Analisi dettagliata di un testo promozionale

HEADLINE:

Il titolo e il sottotitolo.
Potenzialmente il titolo e il sottotitolo sono la prima cosa che il visitatore vede quando entra a leggere un testo. In questa zona è essenziale far vedere a primo impatto, sia il titolo, sia il sottotitolo senza scrollare con il mouse.

Inoltre in questa zona è necessario catturare l’attenzione per convincere il visitatore a continuare la lettura del contenuto

Un titolo che si rispetti deve far capire subito all’utente di cosa stai parlando e con l’aiuto del sottotitolo deve convincere lo stesso utente a proseguire la lettura del testo fino in fondo. “dagli un motivo valido per farlo andare avanti e non annoiarlo”

Presentati

Se fai un giro per il web non in tutte le promozioni trovi la presentazione, ma in un certo senso è di vitale importanza.
In questo punto devi sempre inserire una tua foto e mettere in evidenza il tuo nome, cognome, la data del giorno (sempre aggiornata), e se la possiedi puoi inserire il marchio della tua azienda.

Perché ti devi presentare?… Prova a fare questo ragionamento!
Tu personalmente compreresti mai da marketers incappucciati peggio dei latitanti che è 20 anni che non si fanno vedere? Io credo di no.

Storia o parabola

L’elemento della storia ti serve per riuscire a portare emotivamente dalla tua parte la persona che legge, e coinvolgerla a livello empatico.

Praticamente nella storia devi far capire a chi legge che anche tu hai avuto i suoi stessi bisogni, problemi e necessità. Solo così potrai entrare in sintonia con la persona che legge ed emozionarla a livello mentale.

Solo la “storia” ha il potere di riuscire a comunicare con il subconscio di chi legge.
In pratica, quando scrivi una storia il messaggio che devi trasmettere a chi legge è:
“Io sono uguale a te, ti capisco benissimo e sono dalla tua parte”

Sai? Devo dirti che provo una certa emozione a scriverti. Devi sapere, infatti, che 4 anni fa facevo l’operatore commerciale In una ditta…


Inutile dire che ho una passione sfrenata per il mondo delle Affiliazioni! Se hai una casa ed una macchina (e magari anche un mutuo) sai bene anche tu che arrivare a fine mese “in verde” non è poi così semplice… ecco io mi trovavo esattamente in queste condizioni.

I soldi a fine mese non bastavano mai, così ho cercato di arrotondare il mio stipendio in molti modi… non sto nemmeno ad elencarteli… anche lavorando come barista!


Lo sai che i baristi sono davvero sottopagati (o almeno io lo ero)?! Ti fai un c..o così lavorando di notte con orari improponibili per guadagnare qualche centinaio di euro al mese… è mai possibile?


Così mi son fermato un attimo e ho riflettuto su ciò che mi piaceva veramente fare. Sono sempre stato un appassionato del mondo internet e circa quattro anni fa (data che corrisponde con le mie dimissioni da barista) mi sono reso conto che il web offriva effettivamente grosse opportunità di guadagno… anzi grossissime!

Grazie alla mia curiosità e anche un po’ di determinazione sono riuscito ad entrare nel mondo dell’affiliate marketing…


In meno di due anni avevo imparato tutto quello che c’era da sapere, studiando con un noto Marketer Americano. O perlomeno avevo imparato abbastanza.

In circa un anno ho guadagnato cifre considerevoli, crescenti mese dopo mese, ho collaborato, e tuttora collaboro con i più grandi nomi dell’affiliate marketer, in poco tempo mi sono licenziato dal mio lavoro e mi sto dedicando al 100% nel mio business online!

Ho partecipato come relatore a molti seminari, anche in Camera di Commercio a Firenze, in occasione del Social Money 2009 Ora, in un Solo mese, fatturo interessanti.


Come vedi in pochi anni LA MIA VITA E’ CAMBIATA… Se ce l’ho fatta io… CE LA POSSANO FARE TUTTI!

Un altro esempio di storia da prendere a modello e da cui prendere spunto potrebbe essere questo:

Anni fa ero così frustrato che avrei potuto urlare per la disperazione (e a un certo punto l’ho fatto). Ero stanco di buttare tutti i miei soldi in quintali di corsi e manuali che alla fine non riuscivano ad aiutarmi a raggiungere nessuno dei miei obiettivi.


Soprattutto, ammetto, non riuscivo a rimediare a quella che all’epoca (ben 3 anni fa) era la mia disastrosa situazione finanziaria.

Faticavo giorno e notte, facevo ogni sforzo pur di raggiungere almeno una stabilità economica, pur di fornire quanto meno tranquillo la notte…
Ma nulla di ciò che imparavo sembrava funzionare, non importa quante volte provassi.


Sembrava tutto inutile… E così dopo circa 12 mesi di prove ed errori giunsi a una conclusione: era il momento di fare una scelta, dovevo decidere una volta per tutte se era ancora il caso di perdere il mio tempo online, e nel frattempo soffrire la fame (e continuare a fare un lavoro che detestavo) o dare per sempre una svolta alla mia vita.


Infatti ero nella condizione di non poter più fallire “ero nella condizione in cui o provi il tutto e per tutto, oppure molli definitivamente e ti rassegni alla vita che la società, il sistema, ha pianificato per te su misura…”.


Cioè: ESSERE LO SCHIAVO DÌ QUALCUNO!


Ma io non volevo più essere uno schiavo. Sapevo che o questa volta riuscivo a mettere insieme qualcosa che funzionasse, da tutta quella formazione “apparentemente inutile” che avevo ricevuto, oppure sarei stato finito.


Ho rinunciato a tante cose, tanti sabati e domeniche, le festività, le uscite con gli amici… la mia stessa salute per un certo periodo è andata in frantumi. Ho impiegato mesi ad applicarmi, ma per me era la cosa più importante. Perché in un mondo che ti vuole far credere che nessuno ha un futuro garantito, se ti siedi un attimo, l’attimo dopo potrebbe essere l’ultimo.


E così nell’ultimo periodo cercai disperatamente di mettere insieme quanto di buono mi avessero lasciato quei corsi, e poco prima di mollare tutto, ricordo che mi imposi di non comprare più nulla e di non leggere più email… quelle dannate email “offerta” che non facevano altro che confondermi con sempre nuove stronzate miracolose, (tutte uguali) e mi allontanavano dal mio obiettivo.


In verità avevo già ciò che mi serviva, ma ancora non lo avevo capito,si trattava solo di mettere in pratica. La cosa incredibile è stato quando arrivò il mio primo pagamento dal mio primo sito funzionante.

(era proprio una semplice landing page). NON CI CREDEVO!


“Mi scese una lacrima.. e non me ne vergogno… in quel momento realizzai la cosa più importante”.


Allora capii che la mia fatica, non era stata vana e che non erano solo illusioni, soprattutto realizzai che gli amici, i parenti, tutti quanti coloro che non avevano creduto in me, si erano SBAGLIATI.

Per la prima volta dimostravo a me stesso che le cose possono andare diversamente, ma soprattutto ora sapevo che questo poteva essere possibile per CHIUNQUE.


Perciò…
La buona notizia per te oggi è che io ce l’ho fatta.

La notizia ancora migliore è che tra pochi minuti ti mostrerò come anche tu puoi riuscire, con zero spazzatura che ti distragga o che ti lasci insoddisfatto o deluso.

Ecco dunque qual è la soluzione che ti presento oggi, per dimostrare agli altri che si sono sbagliati, e per uscire dal torpore e dare una svolta alla tua vita…

Non è detto che devi per forza scrivere una storia, infatti, puoi anche scrivere una parabola. La differenza sostanziale fra storia e parabola è che una storia può essere solo un fatto realmente accaduto, mentre la parabola può essere un aneddoto che può accadere a chiunque.


Comunque l’importante è che sia la storia che la parabola devono essere inerenti all’argomento del prodotto che promuovi.

Introduzione al prodotto


Se fino ad ora hai scritto una storia motivante a livello empatico presentando il problema, sicuramente presentare la soluzione a tale problema non dovrebbe essere difficile.
Anzi, direi quasi che la cosa è spontanea e viene da sé.

Quello che non devi assolutamente fare in questa zona è scrivere frasi o parole troppo roboanti.
In particolare non devi scrivere che il tuo prodotto è il migliore di tutto l’universo, ma il messaggio che devi far passare è questo: il tuo è un prodotto che risolve il problema o dà il beneficio di cui hai parlato nella storia.

Descrizione (caratteristiche) e bullets (benefici)


A questo punto, dopo aver presentato la soluzione (cioè il tuo prodotto) devi scrivere subito i motivi per cui la persona che legge dovrebbe acquistare la tua soluzione.
Questo ovviamente puoi farlo solo descrivendo le sue caratteristiche ( es. 45 minuti di tutorial divisi in 15 file audio) e inserendo i famosi “bullets points” dove elenchi tutti vari benefici che potrà ottenere la persona che legge quando avrà acquistato il prodotto.

Testimonial


Ebbene, dopo aver offerto alla persona che legge la tua soluzione, è arrivato il momento di usufruire un po’ della cosiddetta riprova sociale, cioè dei testimonial. Essi non hanno una posizione ben precisa all’interno di un testo promozionale.

Infatti, puoi inserirli in qualsiasi posizione perché non sono elementi che danno fastidio al testo o al procedimento di vendita. L’unico errore a cui devi prestare attenzione è quello di non avvalerti di commenti e testimonianze false.

Qualsiasi utente anche se non vedesse può accorgersi se un testimonial fittizio oppure no.
Per non incorrere in questo errore l’unica soluzione è chiedere ai tuoi prospect o colleghi di rilasciarti queste testimonianze regalandogli il prodotto. Due accorgimenti:

  1. Queste testimonianze devono essere munite da dati di contatto, nome, indirizzo del sito internet, indirizzo email e deve esserci anche una foto. Questi elementi servono per rendere più credibile la testimonianza.
  2. Il testo di queste testimonianze devono parlare del tuo prodotto e non di te

Bonus


Se hai mai seguito qualche pubblicità in televisione sono sicuro che avrai sicuramente notato l’inserimento di alcuni bonus all’interno della promozione di un determinato prodotto. Perché i bonus sono presenti all’interno di queste pubblicità?


Semplicemente perché i bonus sono amati dalle persone e quindi rappresentano un forte incentivo per invogliare ad effettuare un acquisto

Infatti essi spesso e volentieri sono il punto forte di un’azienda per incrementare le proprie vendite.
Questo perché sono risorse che funzionano tantissimo nei testi promozionali, a patto che siano bonus utili e di qualità e naturalmente inerenti al tuo prodotto/servizio.


I tipi di bonus che devi inserire nella tua promozione, devono essere tuoi o di altri tuoi colleghi conosciuti nel tuo settore di riferimento.

Prezzo

Diciamo che questo passaggio a volte è quello più complicato da far capire, ma sicuramente il più importante. Infatti…


…Una volta che hai inserito i bonus, sotto dovrai comunicare il prezzo del tuo prodotto.


Per fare questo devi fare un rapido conto matematico e inserire un messaggio persuasivo.


Un’altro modo per comunicare il prezzo è utilizzare una specie di schema o tabella e poi alla fine inserisci il valore del prezzo in situazione di sconto e dando una motivazione del perché hai deciso di promuovere il prodotto con lo sconto.

Compra adesso


Bene, arrivati a questo punto è il momento di far passare all’azione la persona che sta leggendo il tuo testo promozionale.


Per fare questo devi inserire una call to action, ovvero:
“Una chiamata all’azione” che non lascia scampo al tuo potenziale cliente.

Comunica chiaramente e senza peli sulla lingua quello che deve fare la persona che sta leggendo il tuo testo, ma prima di fare ciò dovrai dare una forte motivazione per cui questa persona dovrebbe acquistare il tuo prodotto. Ripeto: non devi dargli scampo, lui deve solo acquistare.

Post scriptum

Ora passiamo al blocco finale, che io definisco sempre la leva che fa spostare la bilancia a tuo favore. Sottovalutare questo passaggio è come gettare tutto il lavoro svolto sinora nel gabinetto

I p.s servono ai copywriters per riassumere in poche righe gli elementi più salienti ed importanti di tutta la promozione, e per dare il cosiddetto colpo di grazia a chi sta leggendo.

Normalmente chi arriva a leggere i P.S dopo aver letto l’intero testo, vuol dire che ha già deciso di acquistare il prodotto. Comunque è sempre meglio non lasciare niente al caso e ribadire le principale motivazioni che dovrebbero convincere la persona che legge a compiere l’azione di conversione.

Ora qui sotto vi inserisco degli esempi che vi consiglio di tenere sempre a portata di mano e non dimenticarlo mai

p.s. Ti sei già scottato/a una volta?…Se non sei sicuro/a al 100%, non investire sulla mia guida. Evitala!… Puoi sempre accontentarti dei tuoi miseri 1300 euro/mese. Oppure fai attenzione! Potresti rischiare di ottenere successo. Sapresti gestirlo?”. Non troverai da nessun altra parte tutti questi contenuti in un solo infoprodotto. Se non ci credi, controlla tu stesso facendo un giro sul web qualcosa che possa essere simile a quello che offro io.


p.p.s. Hai qualche motivo per rifiutare questa offerta? Pensaci, ho capito le tue esigenze e ti fornisco ora la soluzione, il sogno di ogni persone… In più sei coperto dalla mia garanzia soddisfatti o rimborsati. “Sales Letters Creator ti mostrerà le strategie che i migliori copywriter al mondo utilizzano per guadagnare con le loro lettere di vendita senza spendere un euro, anzi guadagnando vendendo i loro servizi!!

p.p.p.s. Acquistando l’ ebook, oltre ai super bonus, riceverai anche i diritti di rivendita dell’ ebook e potrai guadagnare il 100% vendendolo sul tuo sito o blog. In alternativa puoi iscriverti al programma di affiliazione e guadagnare il 50% su ogni vendita da te generata promuovendo il prodotto.Adesso hai due possibilità: 1) Dimentica tutto quello che hai letto finora, stasera vai a dormire e domani ti svegli ed è tutto come prima. 2) Accetta la sfida e con il mio supporto, vedrai e scoprirai cose che neanche avresti immaginato fossero possibili.

Fine

Bene, questo era dunque il prototipo esemplificativo di un testo promozionale di vendita. Quello che ho analizzato era soltanto la struttura del testo.
Essa può servirti intanto per avere un’idea generale di base su come scrivere una sequenza vincente quando pubblicherai la tua offerta. In poche parole queste informazioni erano per farti capire il copywriting.

Verifica sul campo


Dopo aver scritto il tuo primo testo promozionale grazie alle informazioni contenute in questo manuale, ora è tempo di verificare sul campo il tasso di conversione.
Lo scopo di quest’ultimo passo è determinare il tasso di conversione dei tuoi visitatori in clienti. Il compito può essere semplificato se il tuo provider fornisce statistiche sulle visite.

Il Testo Promozionale vincente – Il prodotto finale


Un buon tasso di conversione per un contenuto promozionale vincente è del 2 – 4%.
In altre parole, per ogni 100 visitatori selezionati che visitano il tuo testo, almeno due o quattro di loro devono acquistare il tuo infoprodotto.


Se il tasso di conversione risulta superiore al 4%, allora significa che il tuo Internet Business funziona in modo molto soddisfacente!


D’altra parte, se il tasso di conversione del tuo testo è inferiore al 2%, allora devi rapidamente prendere provvedimenti per invertire il trand. Una cosa semplice da fare in questo senso potrebbe essere quella di modificare alcuni elementi della pagina, oppure qualche parola del testo. A volte basta veramente poco per arrivare a percentuali soddisfacenti.


Insomma… potrebbe essere necessario modificare la formattazione o scrivere un headline capace di catturare maggiormente l’attenzione. Qualsiasi modifica si renda necessaria il tuo scopo è quello di portare il tasso di conversione da scarso a eccellente!

In tal senso, il suggerimento che sento di darti è quello di testare fino alla morte il tuo testo fino a che non riesci a perfezionarlo e migliorarlo ulteriormente. Solo così potrai creare il tuo testo promozionale micidiale!


Bene, ti ho fornito tutte le informazioni necessarie per sfornare un testo efficace degno di questo nome.
Spero che le molte idee, concetti, esempi riportati in questo post ti diano lo spunto per scrivere testi promozionali vincenti.


Detto questo, auguro tutto il meglio per la tua attività online.

Vorrei consigliare delle risorse utili che puoi scaricare gratuitamente cliccando in questo link; https://diventaimprenditoreonline.it/formazione/risorse-da-scaricare/


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *